Wednesday, 27 December 2017

INTERVIEW TO GABRIELE DE PIERI

Today, Self Herald made an interview in Italian to Gabriele De Pieri. In this blog we translated the interview and you will see first, the interview in english and then in italian.
But who is this man?
Gabriele De Pieri represents a legitimate government recognized by the United Nations, but not by the Italian State. De Pieri represents a government in exile, the Free territory of Trieste. But today I wanted to discover a little more about this history and about the movement that De Pieri carried out.

INTERVIEW TO GABRIELE DE PIERI IN ENGLISH
Good morning Gabriele, nice to meet you and thanks for ofering your time in this interview. 
From my blog we were surprised by his vocation for Venice and in particular by his vocation in the project that promotes.

Self Herald: How did it all start?
De Pieri: It all started in the early 90s then I was a militant of the Lega -Nord, but inside I felt that the political path of the League was bankrupt and time gave me reason. Seitii once a conference of studies organized in Mestre (VE) entitled: "VENETO: a sovereign people to Europe", I remember the speech that the then Josep Camps appointed to report on behalf of President Pujol, and Professor Ferran REQUERO of the University of Catalunya, but I was still different, for example: they were pro-Europeans, I'm not, they wanted to pursue a political path, but I opted for the legal path that guarantees to all the people the SELF-DETERMINATION right.

Self Herald: His project received great popular support from the Venetians. Have you received an answer from the Italian authorities?
De Pieri: My project has received an enormous response from the Veneto people, but the Italian authorities have put in place an incredible series of obstacles of various natures to make sure that people do not follow our project.

Self Herald: Have you received any kind of international support?
De Pieri: I first filed the following documents on December 08, 2010 at the UN headquarters in Geneva: 
1) The act of sovereignty of the Veneto people, 
2) The declaration of belonging to the Veneto people, 
3) The act of rejection of the Italian citizenship illegally imposed without my consent (See DUDU art 15) 
4) The universal declaration of human rights translated by me in the Venetian language by the Spanish.
5) The id card of the Confederasion Veneta.
P.S. of P.S. Among the documents presented in Geneva is also the most important: "The historical registry of the Venetian people" which is our foundation stone for the whole project. Thank you!.

Self Herald: In Europe, various independence movements such as Catalonia are re-emerging. Have they received any kind of support from them?
De Pieri: Until now there have been some timid contacts from foreign states, but unfortunately the Italian state through its foreign policy has put pressure on these states to withdraw.

Self Herald: Imagine an independent Venetian republic, do you think that the Venetians would live better?
De Pieri: We have not had any kind of support from movements or political parties, as I repeat, ours is not a political path but a legal path.

Self Herald: Believe in the self-destruction of peoples. Do you think to support Catalonia in its current secessionist process?
De Pieri: Surely the Venetians of their multi-millennial history of independence would certainly live better than in the current state.

Self Herald: I know you have an ambassador in Catalonia, he is a very active Catalan politician. Mr. Fornà is an opportunity for the recognition of Venice as an independent country, from Catalonia?
De Pieri: In the process of self-determination of polols we will certainly support Catalunya, but unfortunately Catalunya has implemented a political process of claiming, making the process of self-determination much more difficult and risky because it would speak in its case of a secession from a central state.

Self Herald: In addition to your ambassador in Catalonia, do you have other ambassadors in the world?
De Pieri: Currently we do not have embassies in Catalunya because the same is not considered as a state, so the thing is fanciful for the moment.

Self Herald: In Europe, a project called Europe of the Regions is developing. Venice is a very productive nation economically. What would be the measure of Venice in that Europe of the regions?
De Pieri: We currently have a dozen or so general consoles in the world, but we are open to all opportunities.

Self Herald: Now imagine that Venice is divided from Italy. Would you leave the European Union?
De Pieri: We are not interested in entering Europe with the current standards in the least, we should first reform the peoples' Europe and eventually create a confederal Europe.

Self Herald: If so, what measures would it take?
De Pieri: First of all, I would create a sovereign currency, subsequently boosting the local economy by drastically reducing the tax burden.

Self Herald: His movement is an initiative with a great media impact. They started distributing identity cards. Are you thinking of granting noble titles and dignity as the Republic of Venice did in the past?
De Pieri: No, we can give honorary citizenship in the case of undisputed merits, there is a nobility of honor.

Self Herald: My blog, Self Herald, always transmits articles on micronations or stateless nations. We produce articles on micronations like Sealand, Liberland, Pontinha, etc ...
Have you considered the option to recognize one of these small countries?
De Pieri: Why not!?,. we recognize all those who recognize us.

Self Herald: Thank you for your interview, Mr.De Pieri. It has been an honour for me to interview you, a persona who has worked several years on the defense of a nation, recognized by the UN. It has been a pleasure, thanks for your time.
De Pieri: Thank you for your availability Eduard.

INTERVIEW TO GABRIELE DE PIERI IN ITALIAN
Buongiorno Gabriele, piacere di conoscerti e grazie per esserti divertito in questa intervista.
Dal mio blog siamo rimasti sorpresi dalla sua vocazione per Venezia e in particolare dalla sua vocazione nel progetto che promuove.

Self Herald: Come è iniziato tutto?
De Pieri: Tutto è iniziato nei primi anni '90 allora ero militante della Lega -Nord , ma dentro me sentivo che il percorso politico della Lega era fallimentare e il tempo mi diede ragione.  Seitii una volta a un convegno di studi organizzato a Mestre (VE)  dal titolo:  "VENETO: un popolo sovrano verso l'europa", mi ricordo il discorso che fece l'allora Josep Camps incaricato a dare relazione a nome del presidente Pujol, e del Professore Ferran REQUERO dell' Università di Catalunya, ma mi trovavo ancora sulinee differenti, ad es: loro erano europeisti io non lo sono, loro intendevano perseguire un percorso politico, io invece optai per il percorso giuridico che garantisce a tutti i Popoli il diritto di AUTODETERMINAZIONE.

Self Herald: Il suo progetto ha ricevuto un grande sostegno popolare dai veneziani. Hai ricevuto risposta dalle autorità italiane?
De Pieri: Il mio progetto ha ricevuto un enorme risposta da perte del popolo Veneto, ma le autorità italiane hanno messo in atto una serie incredibile di ostacoli di varia nature per fare in modo che le persone non seguissero il nostro progetto.

Self Herald: Hai ricevuto qualche tipo di supporto internazionale?
De Pieri: Ho depositato per primo il 08 dicembre del 2010 presso la sede dell' ONU di Ginevra i seguenti documenti : 1) L'atto di sovranità del popolo Veneto, 2) La dichiarazione di appartenenza al popolo Veneto, 3) L'atto di ricusazione della cittadinanza italiana abusivamente imposta senza il mio consenso ( Vedi D.U.D.U. art 15 ) 4) La dichiarazione universale dei diritti dell' uomo tradotta da me in lingua Veneta dallo Spagnolo.
5) La id card della Confederasion Veneta.
P.S. del P.S. Tra i documenti presentati a Ginevra figura anche il più importante che è: " L'anagrafe storica del popolo veneto" che è la nostra pietra fondante tutto il progetto. Grazie!.
Self Herald: In Europa, vari movimenti indipendentisti come la Catalogna stanno riemergendo. Hanno ricevuto qualche tipo di supporto da loro?
De Pieri: Fino ad ora ci sono stati dei timidi contatti da parte di stati esteri, ma purtroppo lo stato italiano tramite la sua politica estara ha fatto pressioni in modo che questi stati si ritraessero.

Self Herald: Immagina una repubblica veneziana indipendente, pensi che i veneziani vivrebbero meglio?
De Pieri: Non abbiamo avuto nessun tipo di supporto da parte di movimenti o partiti politici, in quanto ripeto, il nostro non è un percorso politico ma un percorso giuridico.

Self Herald: Credi nell'autodistruzione dei popoli. Pensi di sostenere la Catalogna nel suo attuale processo secessionista?
De Pieri: Sicuramente i Veneti della loro storia pluri millenaria di indipendenza saprebbero vivere sicuramente meglio che nello stato attuale.

Self Herald: So che hai un ambasciatore in Catalogna, è un politico catalano molto attivo. Il signor Fornà è un'opportunità per il riconoscimento di Venezia come paese indipendente, dalla Catalogna?
De Pieri: Nel processo di Autodeterminazione dei pololi noi sicuramente sosterremo la Catalunya, ma purtroppo la Catalunya ha attuato un processo politico di rivendicazione, rendendo il processo di autodeterminazione molto più difficile e rischioso in quanto si parlerebbe nel suo caso di una secessione da uno stato centrale.

Self Herald: Oltre al tuo ambasciatore in Catalogna, hai altri ambasciatori nel mondo?
De Pieri: Attualmente non abbiamo ambasciate in catalunya in quanto la stessa non è considerata come uno stato, la cosa è quindi fantasiosa per il momento.

Self Herald: In Europa, si sta sviluppando un progetto chiamato Europa delle regioni. Venezia è una nazione molto produttiva economicamente. Quale sarebbe la misura di Venezia in quell'Europa delle regioni?
De Pieri: Abbiamo attualmente una decina di  consoli generali nel mondo, ma siamo aperti a tutte le opportunità.

Self Herald: Ora immagina che Venezia sia divisa dall'Italia. Usciresti dall'Unione Europea?
De Pieri: Non ci interessa minimamente entrare nell' europa con gli standard attuali, si dovrebbe prima riformare l' Europa dei Popoli e dopo eventualmente creare un Europa confederale.

Self Herald: In caso affermativo, quali misure attuerebbe?
De Pieri: Innanzitutto creerei una moneta sovrana, successivamente darei impulso all' economia locale riducendo drasticamente la pressione fiscale.

Self Herald: Il suo movimento è un'iniziativa con un grande impatto mediatico. Hanno iniziato a distribuire carte d'identità. Stai pensando di concedere titoli nobiliari e dignità come la Repubblica di Venezia ha fatto in passato?
De Pieri: No possiamo dare la cittadinanza onoraria in caso di indiscussi meriti, esiste una nobiltà d'onore.

Self Herald: Il mio blog, Self Herald trasmette sempre articoli su micronazioni o nazioni senza stato. Produciamo articoli su micronazioni come Sealand, Liberland, Pontinha, ecc ...
Hai considerato l'opzione di riconoscere uno di questi piccoli paesi?
De Pieri: Perchè no!?,. noi riconosciamo tutti quelli che ci riconoscono.

Self Herald: Grazie per la tua intervista, Mr.De Pieri. È stato un onore per me intervistarti, una persona che ha lavorato diversi anni nella difesa di una nazione, riconosciuta dall'ONU. È stato un piacere, grazie per il tuo tempo.
De Pieri: Grazie per la tua disponibilità Eduard.